COVID 19, bonus su interessi bancari, fondo perduto per associazioni sportive. Attenzione alle sanzioni

COVID 19, bonus su interessi bancari, fondo perduto per associazioni sportive. Attenzione alle sanzioni

Bonus sulle commissioni bancarie a chi accetta pagamenti elettronici.
Per commercianti e professionisti, scatta dal 1° luglio il credito d’imposta del 30% sulle transazioni tracciabili; dalla stessa data, scende a 2mila euro il limite di utilizzo del contante.
Allo scopo di incentivare l’impiego di mezzi di pagamento diversi dal contante, il Dl n. 124/2019 (“decreto fiscale” collegato alla legge di bilancio 2020), da un lato, ha istituito a favore degli esercenti attività d’impresa, arte e professioni con ricavi/compensi non superiori a 400mila euro – un credito d’imposta sulle commissioni addebitate dagli intermediari per le transazioni elettroniche effettuate dai consumatori dal 1° luglio 2020 (articolo 22) e, dall’altro, ha stabilito che il valore soglia oltre il quale si applica il divieto al trasferimento di denaro liquido fra soggetti diversi venga ridotto, dagli attuali 3mila euro, prima a 2mila euro, con decorrenza dallo stesso 1° luglio, e poi a mille euro, a partire dal 1° gennaio 2022.
Il bonus per scoraggiare l’uso del contante Da giovedì 1° luglio, a commercianti, artigiani e professionisti spetterà un credito d’imposta nella
misura del 30% delle commissioni applicate dai prestatori di servizi di pagamento per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei
confronti di consumatori finali (ossia, di persone fisiche che agiscono per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta) e regolate con carte di credito, debito o prepagate ovvero mediante altri strumenti di pagamento elettronici
tracciabili. L’accesso all’incentivo fiscale è riservato ai soli operatori con ricavi o compensi, nell’anno d’imposta precedente, di ammontare non superiore a 400mila euro.
Il credito d’imposta:
può essere usato esclusivamente in compensazione, tramite modello F24, dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa va riportato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di maturazione del
credito e in quelle degli anni seguenti, fino a quando se ne conclude l’utilizzo non concorre alla formazione né della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi né del valore della produzione ai fini dell’Irap. E’ riconosciuto nel rispetto delle condizioni e dei limiti fissati dalle norme europee in materia di aiuti de minimis, cioè di piccola entità.  

FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO IN FAVORE DELLE SOCIETA’ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

Al fine di assicurare un ulteriore sostegno all’attività sportiva di base, l’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri mette a disposizione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche e delle Società Sportive Dilettantistiche dei finanziamenti a fondo perduto.
La presentazione delle istanze dovrà essere effettuata esclusivamente attraverso l’utilizzo di una piattaforma WEB appositamente realizzata dall’Ufficio per lo Sport e raggiungibile all’indirizzo www.sport.governo.it.
Sono previste due finestre:
.. la prima a partire dalle ore 12:00 del 15.06.2020 e terminerà alle ore 20:00 del giorno 21.06.2020;
.. la seconda sarà aperta a partire dalle ore 12:00 del 22.06.2020 e terminerà alle ore 20:00 del giorno 28.06.2020.

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO, CONTROLLO E SANZIONI.

L’Agenzia delle entrate, si legge nella guida, procede al controllo dei dati dichiarati nelle istanze pervenute ed effettua ulteriori controlli anche sulle fatture elettroniche e sui corrispettivi telematici e sulle liquidazioni periodiche Iva.

Al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19”, è riconosciuto un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA.

Il contributo spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019, oppure ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019 nonché ai soggetti che, a far data dall’insorgenza dell’evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di comuni colpiti dai predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza Covi 19.

L’agenzia delle Entrate, in questi giorni, ha pubblicato sul proprio sito web una guida che contiene tutte le informazioni e i chiarimenti relativi al contributo a fondo perduto.

Controlli e Sanzioni

Per quanto riguarda i controlli e le eventuali sanzioni, l’Agenzia delle entrate, si legge nella guida, procede al controllo dei dati dichiarati nelle istanze pervenute ed effettua ulteriori controlli anche sulle fatture elettroniche, sui corrispettivi telematici e sulle liquidazioni periodiche Iva.

Sono effettuati specifici controlli, anche, per la prevenzione dei tentativi di infiltrazioni criminali.

Qualora da questi controlli emerga che il contributo sia in tutto o in parte non spettante, l’Agenzia delle entrate procede alle attività di recupero del contributo, irrogando la sanzione nella misura minima del 100 per cento e massima del 200 per cento. Per tale sanzione è esclusa la possibilità di definizione agevolata.

Nel medesimo caso, si applica inoltre la pena prevista dall’articolo 316-ter del Codice penale in materia di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, che prevede alternativamente:

  • la reclusione da 6 mesi a 3 anni;
  • nel caso di contributo erogato di importo inferiore a 4.000 euro, la sanzione amministrativa da 5.164 euro a 25.822 euro, con un massimo di tre volte il contributo indebitamente percepito.

Colui che ha rilasciato l’autocertificazione di regolarità antimafia è inoltre punito con la reclusione da due anni a sei anni.

In caso di avvenuta erogazione del contributo, si applica l’articolo 322-ter del Codice penale (Confisca).